Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Può conoscere tutti i dettagli sul nostro adeguamento GDPR e Cookies consultando la nostra privacy policy.
Ok

 
  • Nuovo
zoom_in
keyboard_arrow_left keyboard_arrow_right

STRACOTTO AL ROERO CON CIPOLLINE BORRETANE

STRACOTTO AL ROERO

14,30 €
Tasse incluse

Difficile da trovare, visto che ogni animale ne ha soltanto due, ma altrettanto difficile da abbandonare una volta provata

Seleziona numero
  • Porzioni
  • 2
  • 4
  • 6
  • 8
Seleziona numero

 

 

 

Difficile da trovare, visto che ogni animale ne ha soltanto due, ma altrettanto difficile da abbandonare una volta provata: questa specialità prevede una lenta preparazione che, esaltandone la ricchezza di fibre, la rende quel secondo piatto prelibato e ricercato che i piemontesi amano così tanto, specie per i pranzi domenicali.

Stiamo parlando della guancia di vitello, un muscolo che lavora continuamente, ma sul quale l’animale non poggia mai il suo peso. Grazie al particolare tessuto ricco di infiltrazioni grasse, con la giusta cottura si scioglie in bocca.

Nella nostra preparazione le guance vengono messe a marinare sotto vino per 24 ore, affinché la carne assorba liquido e profumi. Una volta scolate, vengono messe a rosolare a fuoco lento in una pentola, venendo unite a un battuto rosolato a parte con cipolle, carote e sedano. Quindi il tutto viene coperto con nuovo vino rosso (Roero, il nobile nebbiolo della sinistra Tanaro, cugino dei langhetti Barolo e Barbaresco), acqua ed erbe aromatiche (rosmarino), per una successiva cottura in forno di 8 ore, con le guance girate ogni 30 minuti.

“Stracotto” indica per l’appunto un piatto che non prevede cotture intermedie, ma supera di gran lunga le temperature ordinarie e i tempi di preparazione medi per gli altri tagli di carne.

Ad accompagnare lo stracotto, il contorno di cipolline borettane: si riconoscono per la caratteristica forma del bulbo appiattito sia nella parte superiore che in quella inferiore. Di piccole dimensioni, possiedono un tipico gusto acidulo e intenso, ma al contempo molto dolce, che le rendono perfette per la preparazione in agrodolce.

STRACOTTO AL ROERO

Scheda dati

Valori Nutrizionali (valori medi per 100 g di prodotto) Energia:
1056,27 kJ / 251,93 kcal
Grassi:
11,43 g
- di cui acidi grassi saturi:
4,48 g
Carboidrati:
2,49 g
- di cui zuccheri:
2,39 g
Proteine:
34,63 g
Sale:
1,13 g
Ingredienti:
Guancia di bovino adulto, vino rosso, cipolla, carota, sedano, olio extravergine d’oliva, rosmarino, maizena, fondo bruno, sale, pepe.

Lo chef sei tu

Riempite un pentolino di acqua e mettetelo sul fuoco. Non appena raggiunge il bollore, spegnete e immergetevi il sacchetto contenente lo stracotto, lasciandolo coperto per circa 15 minuti.

Al termine del quarto d’ora, aprite il sacchetto e versate il contenuto in un altro pentolino, in modo che la salsa non si espanda in larghezza per non seccarsi.

Al raggiungimento del bollore della salsa, spegnete e servite su un piatto piano, impiattando la carne al centro e nappando con la salsa.

Trucchi dello chef

La verdura è l’accompagnamento ideale per questa carne tenera e saporita.

Guarnite il piatto con delle verdure a piacimento, passate al burro.

Cosa mi serve

ATTREZZATURA: Due pentolini dal diametro di 20 cm circa.

Altri prodotti